GONFIORE ADDOMINALE: come affrontarlo al meglio

GONFIORE ADDOMINALE: come affrontarlo al meglio

Studi dimostrano che il 30% della popolazione ha disturbi legati al sistema gastrointestinale.

Il gonfiore addominale è sicuramente la condizione più comune che colpisce in maniera indistinta sia uomini che donne. SI manifesta attraverso una sgradevole sensazione di pienezza, tensione e stanchezza sia a livello dello stomaco che a livello intestinale.

So che avrai ben impressa la sensazione di tensione e gonfiore che hai provato dopo i pasti natalizi. L'addome sembra quasi che sia in procinto di scoppiare e il cosiddetto "abbiocco" è dietro l'angolo.

Le cause

Le cause del gonfiore addominale sono da attribuirsi sia a problematica legate all'intestino (es. colon irritabile) sia a una scorretta alimentazione. Ciò che determina il gonfiore è:

  • l'aria ingerita
  • il gas che deriva alle fibre alimentari

Oltre a queste, si può aggiungere:

  • aver mangiato troppo, e sopratutto velocemente
  • stitichezza
  • farmaci
  • celiachia
  • stress o tensioni emotive

Alterazione della Flora Batterica

L'alterazione della flora batterica è altresì un fattore molto influente.

La Flora Batterica intestinale si trova nel colon ed è costituita da diversi ceppi batterici; alcuni possono essere definiti "buoni", altri "cattivi". È l'equilibrio tra queste due popolazioni di batteri che determina l'efficienza del cosiddetto microbioa intestinale. Affinchè questo equilibrio venga rispettato, i batteri "cattivi" devono essere in minoranza.

La Flora batteria è fondamentale per:

  • impedire il passaggio di sostanze tossiche attraverso la parete intestinale
  • favorire il benessere del sistema immunitario
  • sintetizzare alcune vitamine come la K e assorbire i minerali
  • limitare la proliferazione di batteri patogeni.

 

Come ridurre il gonfiore addominale

Alimentazione

L'alimentazione è sicuramente il primo step da cui partire per limtiare il gonfiore addominale. 

Ci sono alcuni alimenti che favoriscono la tensione addominale a causa di alcuni zuccheri che possono risultare di difficile digestione. In particolare quegli alimenti che contengono i FODMAP (acronimo inglese che sta per oligosaccaridi, disaccaridi, monosaccaridi e polioli fermentabili). Gli alimenti che contengono queste molecole sono i legumi (es. ceci e fagioli), i latticini, insaccati o bevande gassate.

Gli alimenti che possono ridurre il gonfiore sono:

Frutta: (arance, frutti di bosco, banana, ananas, avocado), verdura (piselli, carote, spinaci, lattuga ecc.), cereali e derivati: (riso, avena, quinoa, patate), latticini formaggi stagionati, latte o prodotti caseari delattosati e insaccati.

Integratori

Per facilitare la riduzione del gonfiore addominale fondamentali sono i fermenti lattici che vanno a riequilibrare la microflora intestinale. Lo zenzero è un ottimo ingrediente utilizzato come digestivo e amaro-tonico, in grado di regolare la mobilità gastrointestinale e di eliminare i gas digestivi, aiuta a contrastare anche la nausea.

Il finocchio ha un'importantissima sul sistema digerente. Agisce sulla muscolatura intestinale favorendo il transito intestinale e facilitando l'assorbimento dei nutrienti.

Sport

L'esercizio fisico è alla base per un organismo in salute. Se il tempo lo permette concediti una camminata, anche solo di mezz'oretta circa.

Inoltre, come anticipato il gonfiore addominale può essere causato anche da uno stato emotivo alterato: stress e ansia sono sicuramente fattori scatenanti. In questo, lo sport riduce le tensioni e promuove la produzione dell'ormone della felicità.

Che aspetti?

Di finalmente addio al gonfiore addominale dopo le feste!

Scopri tutta la linea dedicata all'intestino