CONCENTRAZIONE: COME MIGLIORARLA

CONCENTRAZIONE: COME MIGLIORARLA

9/9/20

Spesso capita di sentirsi stanchi mentalmente e di avere difficoltà di concentrazione; questi fattori, che già influiscono negativamente sulla nostra vita, possono a loro volta causare sbalzi d’umore, apatia, svogliatezza e scarsa memoria.

Questo, specie per chi svolge un lavoro prettamente basato sulle capacità cognitive o studia, può avere risvolti molto negativi sulla performance poiché si traduce in uno spreco di energia per sostenere uno sforzo mentale eccessivo, nel tentativo di concentrarsi maggiormente.

Le più comuni cause di una scarsa concentrazione sono:

  • Insonnia e disturbi del sonno
  • Mancanza di vitamine e minerali
  • Vita frenetica
  • Situazioni ambientali disturbanti

 

 

La mancanza di sonno (è importante dormire almeno 8 ore) incide negativamente sullo stato di reattività mentale; se non si riesce a dormire bene e per un arco di tempo adeguato, la mente non è abbastanza riposata per affrontare la nuova giornata e i nuovi impegni a cui viene sottoposta, col risultato di tempo perso al lavoro o durante lo studio. È bene quindi armonizzare il ciclo sonno/veglia andando a dormire e svegliandosi ad orari regolari.

Anche l’ambiente è importante, dato che elementi che distraggono l’attenzione rendono più difficile concentrarsi su ciò che si sta facendo. Può risultare utile a questo scopo eliminare le fonti di disturbo, come ad esempio rumori forti o fastidiosi, ascoltare un sottofondo musicale che favorisca la concentrazione o ancora puntare sull’aromaterapia, profumando l’ambiente con essenze che hanno un effetto stimolante sulla mente, come l’olio essenziale di limone, noto per le sue proprietà energizzanti.

La vita frenetica è una delle cause principali della stanchezza mentale e della scarsa concentrazione: infatti uno stile di vita multitasking non si addice all’essere umano, che è quindi costantemente sottoposto ad un forte stress psichico. Casa, lavoro, scuola, studio, sport, attività ricreative, tutto questo riempie le nostre giornate e quelle dei nostri figli lasciando ben poco tempo al cervello per “staccare la spina”.

Uno stile di vita di questo tipo, unito a un’alimentazione non adeguata, magari con carenze vitaminiche e minerali, porta ad un accumulo di stress, con svantaggio delle capacità cognitive, e si traduce in stanchezza e mancanza di energia che ben presto si riflettono anche a livello fisico. In questo caso un’integrazione alla dieta con prodotti a base di minerali come magnesio e zinco, vitamine del gruppo B ed estratti vegetali può rivelarsi utile per ridare energia alla nostra mente affaticata.

 

Potete trovare zinco, vitamine B e ben tre tipi di sali di magnesio (Magnesio Glicerofosfato, Magnesio Ossido e Magnesio Citrato) nel Magnesio B Vitality; si tratta di un valido alleato per la riduzione della stanchezza, dell’apatia e della mancanza di energia; inoltre è particolarmente indicato nei periodi di forte stress o di sforzi mentali intensi.

 

Un altro prodotto dall'azione benefica a livello cerebrale è Memora: i suoi estratti di Ginko biloba, Maca, Eleuterocco e Mirtillo sono da secoli associati ad un miglioramento delle prestazioni intellettuali e della reattività. L’azione combinata di queste erbe risulta quindi di aiuto per condizioni quali scarsa memoria, difficoltà di concentrazione, stanchezza, affaticamento mentale e condizioni di elevato stress psico-fisico.